Francesco Astolfi

Strategie di marketing per Hotel direttamente da Rimini

L’importanza del nome di un Hotel: come scegliere il nome giusto e posizionarsi sul mercato

naming

Fino a 15 anni fa il nome degli hotel non era un problema. La domanda era forte e crescente, ed il fatto che il tuo hotel si chiamasse Hotel Sandra o Hotel Belvedere non importava più di tanto. In fondo i clienti cercavano camere in cui dormire e ristoranti in cui fare colazioni e mangiare.

Ma oggi le cose sono diverse. Guardati intorno: ci sono centinaia di Hotel in giro.

E online la disponibilità è enorme: OTA, TripAdvisor, comparatori di prezzo, siti web degli hotel. La mole di informazioni presente è davvero enorme.

E talvolta l’unica cosa che un potenziale cliente vede di te è proprio il nome del tuo hotel.

Eppure il nome è spesso un elemento molto trascurato, fin troppo. E così quando si scegli il nome per un hotel si decine in fretta, che tanto è l’ultima cosa da decidere.

Oppure si fanno consessi di decine di persone, che durano giornate intere e che hanno come unico risultato quello di mediare tra le ipotesi: di solito si opta sempre per vie di mezzo che non accontentano nessuno. Certamente non chi dovrebbero accontentare veramente, ovvero i potenziali clienti.

In altre casi ancora, siamo in presenza di una povertà totale di idee. Tale che si opta per delle vere e proprie “non scelte”: come usare il nome stesso della destinazione (Hotel Rimini di Rimini) o della Via in cui ha sede l’hotel o il nome del proprietario.

Senza parlare poi del fatto che poi gli albergatori si affezionano ai nomi dei loro hotel. E, anche quando decidono di ristrutturare e riposizionarsi sul mercato, sono disposti a cambiare tutto ma NON il nome. Anche se magari quella Sandra dell’Hotel Sandra è morta da 15 anni fa (pace all’anima sua) ed era stata la proprietaria prima che l’hotel passasse di mano per ben 3 volte.

Ma andiamo con ordine.

Perché il nome della tua struttura ricettiva è così importante?

I motivi sono davvero numerosi.

  • Per differenziarsi. Perché se è vero che la prima impressione oggi avviene online, il nome è il primo strumento per differenziarsi. Il nome di fatto è il primo elemento che costruisce la promessa, l’esperienza che viene venduta. Che crea il desiderio, che nutre la curiosità. Un nome originale e autentico consente di essere facilmente riconosciuto, condiviso e oggetto di passaparola. E, non ultimo, favorisce le prenotazioni dirette.
  • Per costruire un Brand. Nei mercati competitivi quale quello dell’hotellerie, ciascun hotel deve costruire il proprio brand. E il proprio brand si costruisce partendo dal nome. Un nome unico e fascinoso contribuisce a rendere memorabile quell’hotel. Anticipa l’esperienza che verrà vissuta. Consente di sottolineare l’identità differenziante di quell’hotel. Comunica la propria proposta di valore, prima ancora di averla ancora raccontata.
  • Per essere facilmente trovati. Il nome serve per essere cercati facilmente online (al bando quindi l’uso di nomi di città, come l’Hotel Berlino di Roma oppure Hotel Milano a Firenze).Scegliere un nome unico è la strada migliore: possibilmente mai usare un nome già utilizzare da altri hotel in giro per il mondo. Spesso purtroppo gli hotel si chiamano in maniera identica: ci sono decine e decine di Hotel Belvedere in Italia, ma anche di Hotel Europa, Hotel Eden, Hotel Miramonti eccc. basta una ricerca su Google per accorgersene.Usare un nome unico certamente aiuta anche nel processo di protezione del brand: dominio del sito web, account sui social media, profilo su TripAdvisor, su Google Maps e, ovviamente, facilita la registrazione del marchio in Italia o in Europa.

Bene, dopo aver analizzato i motivi per i quali è fondamentale la scelta del nome per la tua strategia marketing complessiva, ora veniamo a questa dritta per scegliere il nome migliore per il tuo hotel.

Come scegliere il nome perfetto per il tuo hotel

Pensa al tuo target. La prima considerazione da fare è questa: il nome del tuo hotel serve a veicolare l’esperienza ed i valori che sottendono quell’esperienza per il tuo target. Pertanto il nome NON deve piacere a te o a tua moglie. Il nome deve piacere al tuo target. Ed il tuo target deve poterlo usare facilmente per riconoscerti.

Pensa al suono. Il suono di un nome è immediato, al contrario della parola scritta, che deve essere processata dal nostro cervello. Quindi è più importante il suono dello scritto, è più importante la pronuncia del tuo nome, rispetto – ad esempio – al font del tuo logo. Il suono è piacevole? E’ facile da ricordare e pronunciare? Se temo di fare un errore nella pronuncia, certamente non ne parlerò ai miei amici.

Pensa alla lingua in cui verrà utilizzato. Un altro elemento da tenere in grande considerazione è il mercato a cui si rivolge e la sua relativa pronuncia: non sempre usare nomi italiani rappresenta la soluzione migliore se il mercato di riferimento è tedesco o anglofono. Allo stesso modo, usare nomi inglesi o francesi per un Hotel che ha un mercato prettamente italiano può essere un errore.

Molto importante anche valutare se eventuali traduzioni in altre lingue del nome dell’hotel potrebbero essere mal-interpretate (come ad esempio il tedesco Bad-Hotel, Hotel per i Bagni, che in inglese significa Pessimo Hotel).

Pensa al concept del tuo hotel. Il nome deve evocare un’idea, un concetto. Il tuo posizionamento sul mercato deve essere già anticipato dal nome. Ad esempio:

  • City Hub di Amsterdam: a metà tra Ostello di Lusso e Hotel per Giovani alla scoperta della città, rigorosamente nativi digitali.
  • Casta Diva Resort: un lussuoso ed esclusivo 5 stelle sul Lago di Como
  • Portrait Firenze: lusso, eleganza, stile, design. Ovviamente, con vista su Ponte Vecchio.
  • Casa Portagioia (Castiglion Fiorentino) 1° Bed &Breakfast in Italia su TripAdvisor: quale nome migliore per un B&B ubicato in un posto incantevole?
  • Library Hotel di New York, un boutique hotel nel cuore di New York con una biblioteca di 6.000 volumi. Ciascun piano dell’hotel è dedicato a diversi temi.

Pensa per immagini. Se il nome evoca un’immagina allora è un nome vincente. Evita concetti troppo generici (Hotel La Pace) e valuta nomi che rimandano a cose molto concrete, colori, animali, persone: se l’utente riesce a fare una proiezione visiva del nome sarà molto più facile ricordarlo (The Gentleman of Verona, Yellow Bird, The Palms Hotel, ecc..). Tuttavia, si sconsiglia di essere troppo descrittivi e troppo banali: è bene usare un nome che sia aperto ad una qualche forma di interpretazione, in modo da lasciare un po’ spazio all’immaginazione.

Il lavoro da fare qui è pensare a nomi che costruiscono nella mente del target la sensazione e l’emozione che si vuole costruire con il prodotto.

Al contrario, se il tuo hotel non ha un’identità e non ricerca un posizionamento specifico per un target definito – ma si tratta, a tutti gli effetti, di un generico hotel di massa – il consiglio è di non usare nomi troppo evocativi o che connotano in qualche modo l’aspettative (un esempio classico è quello di numerosi Best Hotel che in realtà sono mediocri e che ovviamente lasciano grande spazio di creatività ai recensori di Tripadvisor..).

Altre volte, in assenza di un concept predefinito MA in presenza di una location favolosa (che di fatto diventa l’elemento di unicità), è bene far leva sulla location per costruire il nome:

  • Hotel Castello Lake Front, Malcesine. Vista Lago e vista castello scaligero.
  • B&B Dimora dell’Etna. Ovviamente, alle pendici dell’Etna.
  • Hotel Chiaia di Luna, sulla più bella baia di Ponza

Ed ecco la classifica stilata da Trivago con i nomi degli hotel più utilizzati (e quelli più strani): quantomeno cerca di evitare i nomi più diffusi, potresti ritrovarti al check-in un Ospite di un Hotel omonimo ma di un’altra destinazione!

Classifica Nomi Hotel

Precedente

Come lanciare un pacchetto o un’offerta per il tuo Hotel e fare subito SOLD-OUT. Ovvero dell’arte del Pre-Sell

Successivo

Prenotazioni dirette in Hotel: perchè alcuni Hotel sì ed altri no?

  1. Finalmente un “collega” che dedica del tempo prezioso al Brand Naming, un’attività “trascurata”, sottovalutata e mai pagata. Tutto parte dal nome…
    Grazie per l’articolo… veramente molto utile e “puntuale”.

  2. filippo bortolussi

    Ottime considerazioni che posso offrire dei preziosi consigli a chi deve dare una nuova identità al proprio Hotel,
    complimenti

  3. filippo bortolussi

    Ottime considerazioni che possono offrire dei preziosi consigli a chi deve dare una nuova identità al proprio Hotel,
    complimenti

  4. Sandro

    vorrei denominare il nuovo residence in costruzione ” il poggio di ……”
    col nome del Comune dove si trova ; non ho trovato indicazioni sul fatto che possa farlo senza incorrere nelle ire del Sindaco.

  5. Viola

    Sto cercando un nome per la mia casa vacanze con una vista stupenda sul mare e sulla costa salentina;GraZie degli spunti eppure ancora non ne vengo fuori per fortuna sta già andando benissimo ma ora a maggior ragione devo dargli un nome il target è italiano ma soprattutto straniero
    E L immagine che vorrei evocare è senza dubbio il
    Mare ma senza risultare banale .. help!

  6. Terry

    Grazie per i consigli Disinteressati. Che belle persone che esistono.

  7. Christian Olivieri

    Buona sera
    Avrei bisogno di contattarvi perché ho bisogno di un nuovo name per un progetto che devo fare
    Se gentilmente potete contattarmi
    Christian@olivieripellami.it
    3488878098
    Grazie saluti
    Christian Olivieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén